L’Ostéo4pattes - Site de l’Ostéopathie

097-"la Dépêche" di ottobre 2012

Simmetria del corpo o asimmetria ?
Créé le : mercoledì 25 febbraio 2015 di Ivo Lalla, Patrick Chêne

Dernière modificaton le : venerdì 8 dicembre 2017

Sappiamo tutti che l’asimmetria regna sovrana nell’organismo.

Da un lato, al livello molecolare, gli amino-acidi sono L e il glucosio è D… La simmetria è infranta. Le eliche di DNA o di collagene sono Alpha…

A partire da qui, un senso di rotazione è privilegiato… e questo anche nella meccanica del corpo. Per cullare un bebè nelle nostre braccia, praticamente tutti noi partiamo istintivamente verso la sinistra.

D’altro lato, sappiamo tutti che la parte sinistra del nostro corpo ha tendenza a essere più sviluppata della destra…

Eppure, in quanto osteopata, ad esempio per il bacino, abbiamo tutti imparato a trattare quest’ultimo in simmetria, dando un ruolo equivalente al lato sinistro e al lato destro. Anche se la nostra esperienza ci detta che le disfunzioni toccano più un lato che l’altro.

Alcuni osteopati hanno mostrato nei loro lavori un’asimmetria del corpo, come :

- William H Niedner, allievo di Sutherland, che descrive un’elica corporea fasciale. Viste dal di-sopra della testa, le fasce formano un’elica che gira in senso orario, e che può invertirsi a causa di un processo patologico.

- Yves Guillard, che dà al Movimento Respiratorio Primario una componente asimmetrica in terza dimensione. Per esempio, quando il sacro risale lungo la colonna vertebrale al momento dell’inspirazione cranica, l’iliaca sinistra si posteriorizza, al contrario di quella destra ; poi, al momento dell’espirazione cranica, la simmetria si installa nuovamente.

Questi due lavori si completano, nel senso in cui uno parla di struttura e l’altro di un movimento che dovrebbe, secondo ogni logica, appoggiarsi su questa stessa struttura.

Questa visione è valida per tutti i mammiferi e conosce diverse disfunzioni possibili : dall’accentuazione della torsione fino al suo impedimento.

Organizzare il trattamento osteopatico in funzione di quest’asimmetria naturale permette al tempo stesso di semplificare il trattamento e anche di essere più efficaci su alcune patologie molto gravi quali la scoliosi nell’uomo o il dorso di carpa (cifosi lombare troppo accentuata) nei nostri animali.

Così, per questo cavallo :

Diagnosticato con una deformazione tipo scoliosi durante la crescita, è stato impossibile invertire il corso degli eventi e rendergli una schiena più funzionale, tenendo conto sia della Forza di Trazione Midollare (FTM), sia della torsione fisiologica (TP), che in questo caso era accentuata : l’iliaca sinistra partiva troppo in alto [dorsalmente, NDT] e troppo in avanti [cranialmente, NDT], con un’iliaca destra immobile.

Il trattamento è consistito in :

- Diminuire la FTM e la sua interazione viscerale : la patologia è apparsa poco dopo la castrazione.

- Ristabilire il funzionamento normale della TP, cioè un bacino asimmetrico nel suo movimento.

Però, l’integrazione dell’asimmetria nel ragionamento osteopatico non si ferma qui, e permette ben altre aperture.



Notez cet article
0 vote



titre documents joints

23 febbraio 2015
info document : Word
24.5 Kb

Parole chiave




Home | Contatti | Mappa del sito | Connettersi | Visitatori : 128 / 762882

Monitorare l’attività del sito it 

Sito realizzato con SPIP 3.1.8 + AHUNTSIC