L’Ostéo4pattes

113 – La Dépêche di gennaio 2016

« Colpo di frusta », torcicollo, cervicalgia e osteopatia
Créé le : sabato 22 ottobre 2016 di Bruno Denis, Ivo Lalla

Dernière modificaton le : sabato 22 ottobre 2016

Dall’incidente alle prime cure…

Jon-Snow, giovane Cavalier King Charles di un anno, con le orecchie ondulate e nere, è stato investito da un’auto, il che lo ha portato dritto dal suo veterinario. Quest’ultimo l’ha esaminato, controllato, e ha fatto delle radiografie. Nessuna lesione evidente, e tutto sommato nessun sintomo particolare né zoppìa : è stato fortunato !

Cinque giorni dopo, ha espresso un’incapacità nell’alzare la testa e a girarla verso destra. Il trattamento prescritto è a base di FANS.

... fino all’osteopata

Dopo quattro giorni di trattamento, difronte alla persistenza dell’handicap nonostante l’assenza di problemi neurologici, e prima di inviarlo a fare una TAC, il suo veterinario lo ha riferito a un collega osteopata.

Al primo giorno (G0) della consultazione osteopatica, la colonna cervicale è in latero-flessione sinistra e in estensione da C2 a C5. C’è une importante rotazione fasciale da sinistra a destra. I punti sensibili, perfino doloranti, si esprimono alla flessione, latero-flessione destra e stiramento dell’incollatura.

Il trattamento manuale ha cominciato con delle manipolazioni miotensive su tutti i muscoli dell’incollatura, poi con delle manipolazioni funzionali indirette a piccolo braccio di leva sul rachide cervicale, e infine con delle manipolazioni tissutali e fasciali. La seduta osteopatica è durata circa venti/trenta minuti. Durante il trattamento, il paziente si compiaceva sempre di più delle manipolazioni. Ma ad un certo punto le cose non sembravano ristabilite del tutto, e non evolvevano più : una contrattura non cedeva...

L’ho lasciato partire con la sua prescrizione di FANS, alla quale ho aggiunto un miorilassante (mefenesina).

Al quarto giorno (G0+4), la visita di controllo ha mostrato che c’è stato un netto miglioramento nell’andatura e nel portamento della testa, che si è manifestato nelle prime ventiquattro ore dopo la seduta di osteopatia. Restava però un punto dolorante nel terzo craniale, sul lato destro, dei muscoli elevatori dell’incollatura, con C3-C4 in rotazione destra. E non riusciva ancora a scuotere la testa normalmente.

Il trattamento è stato identico a quello della volta precedente. Lo stato generale alla fine della seduta è stato nettamente migliorato.

Quattro giorni dopo (G0+8) la sua mobilità cervicale era perfetta.

[Vista craniale : C3, in rosso, in rotazione destra rispetto a C4, in nero (corpo vertebrale di C3 a destra del piano mediano)]

Conclusione

In questo caso particolare, essenzialmente disfunzionale senza lesioni, la manipolazione osteopatica è stata fondamentale. Ha permesso di smorzare le tensioni muscolari, ridare mobilità alle articolazioni e migliorare la perfusione dei tessuti. Gli effetti positivi della manipolazione sono stati « palpabili » e visibili già il giorno stesso, e si sono prolungati nei giorni successivi.

Il miglioramento della perfusione dei tessuti grazie alla manipolazione osteopatica ha potenziato l’effetto delle molecole prescritte, in virtù della loro migliore diffusione locale.



Notez cet article
0 vote






Home | Contatti | Mappa del sito | Connettersi | Visitatori : 96 / 712398

Monitorare l’attività del sito it 

Sito realizzato con SPIP 3.1.8 + AHUNTSIC